Il nome Vándari proviene dall’antico contado di fondazione longobarda che ha dato le origini al paese di Castelvenere nel VII secolo.

Vándari è anche il luogo in cui fonti storiche e leggenda si fondono, è infatti indicato come luogo natio di San Barbato nell’anno 602. San Barbato convertì i Longobardi del Ducato di Benevento al Cristianesimo, mettendo fine ai culti pagani delle streghe e idolatra dell’albero di noce e della vipera.

Vino Biologico
Reg. CEE 203/2012

Vino Biologico
Reg. CEE 203/2012


zona di produzione
comune di Castelvenere

vitigni
falanghina 100% clone autoctono

temperatura di servizio
tra 8 e 10 gradi

numero di bottiglie
Produzione limitata

produzione per ettaro
in media 6500 kg di uva

resa dell’uva in vino
circa il 70% per una resa in vino di 48,50 hl per ettaro


Si presenta colore giallo paglierino, di buona consistenza. I profumi sono fragranti, floreali e fruttati. All’olfatto, sentori fruttati di mela verde e pera; fiori bianchi e gialli . Al gusto è secco, di buona acidità, di notevole intensità. Si abbina ad antipasti di mare, grigliate di pesce, fritture all’italiana e formaggi a pasta molle.

Additional information
Weight 1.450 kg

Privacy Preference Center