Pioppi, Premio Vigna Bio: i vincitori dell’edizione 2020

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Grande successo anche quest’anno, a Pioppi, per l’annuale appuntamento con Terroir – Il mare color del vino, rassegna degustazione di vini biologici e biodinamici campani, e l’annesso Premio Vigna Bio per le eccellenze della produzione vinicola regionale. L’iniziativa è indetta e organizzata dal Museo Vivente della Dieta Mediterranea, in collaborazione con Legambiente onlus, la Scuola Europea Sommelier, il Luciano Pignataro Wine&Food Blog e la UOD 500706 della Direzione Generale per le Politiche Agricole e Forestali della Regione Campania.

Dei 52 vini in concorso la giuria, composta da sei membri, tre uomini e tre donne tra sommelier, giornalisti enogastronomici e consumatori, ha assegnato il Premio speciale “Vino della Dieta Mediterranea” al vino “Assenza” dell’Antica Masseria Venditti di Castelvenere (Bn)

“per la capacità di condensare in una bottiglia una filosofia e una storia che hanno fatto da apripista al movimento del biologico in Campania, precursore di un metodo che mette al centro la natura e il territorio, senza interrompere una costante ricerca verso il gusto e la qualità del prodotto. Assenza è un vino ‘senza solfiti aggiunti’ ma che invece ‘aggiunge’ una pietra fondamentale nella costruzione di uno nuovo approccio dell’enogastronomia italiana”.

Il concorso ha coinvolto cantine da tutte le province della regione. Molteplici i territori rappresentati dai vini premiati, dal Vesuvio alla Costa d’Amalfi, dal Taburno alla Valle Telesina. Il Premio Vigna Bio, già proiettato verso la quinta edizione del 2020, si propone di valorizzare e promuovere i vini biologici e biodinamici campani e di stimolare le aziende vitivinicole della Campania al continuo miglioramento della qualità dei propri prodotti. Tutti i vini ammessi alla competizione sono vini biologici e biodinamici certificati da un organismo di controllo autorizzato e prodotti da aziende con vigneti, produzione e sede legale in Campania. La qualità dei prodotti inviati per questa quarta edizione ha confermato ancora una volta come quello del “bio” sia un mondo in costante crescita, non solo da un punto di vista di numeri e di mercato ma anche a livello qualitativo, soprattutto nel settore vitivinicolo.

 

Pubblicato il 10 Agosto 2020
di Ernesto Rocco

 

Pubblicato l’11 Agosto 2020
di Enrico Malgi


Divino TV - La Falanghina senza solfiti di Venditti

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.


L'agosto a Borgo Campello è relax abbinato a buon cibo

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Il 6 agosto allegra conoscenza dei vini del Sannio. Il Sannio è il territorio maggiormente vitato del mezzogiorno peninsulare. Grandi vitigni autoctoni, alcuni già ben noti, quali la Falanghina del Sannio e l’Aglianico del Taburno, ed altri che solo adesso cominciano a farsi conoscere dagli appassionati. Degli uni e degli altri, con la sua eleganza nel raccontare e con la spiccata piacevolezza dei suoi vini nei calici, Nicola Venditti, patron dell’Antica Masseria Venditti ha reso memorabile la serata di cui è stato il dominus. Assenza. Assenza è il nome in etichetta di due vini di Nicola Venditti. Assenza di cosa? Assenza dei solfiti. E questa assenza benefica la si avverte nel corso della cena. Ottime anche le pietanze abbinate ai vini: un sontuoso Risotto ai funghi porcini, una Faraona in salmì la cui esecuzione, lode alla chef Rosaria, è risultata pressoché perfetta. In sintonia piena con la vera tradizione che vedeva il fine pasto con formaggi piuttosto che con dolci, il vino Marì di Nicola Venditti ha bene accompagnato un tagliere di formaggi umbri a cui hanno fatto da contrappunto deliziose composte di frutta.


Earth Day 2020

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Oggi è il 50° Earth Day, giornata mondiale della Terra, in un periodo segnato dalla speranza e dall’impegno per ricominciare da una crisi derivata dalla pandemia covid19. Cosa imparare da questi giorni, soprattutto cosa ci dice la Terra.

Immaginiamo nuovi stili di vita sostenibili a cominciare da se stessi, resilienza e caparbietà, capacità che da sempre caratterizzano l’agricoltore che pone la Terra al centro della vita. La Natura insegna che le cose proseguono anche quando tutto il resto è fermo. La primavera ci rende consapevoli che le piante hanno linfa che inizia a muovere le prime foglie e i primi grappoli rivolti al cielo. La Terra, il terzo pianeta del sistema solare su cui viviamo, è il termine che deriva dal latino globum, globo terracqueo in cui si svolge la vita dell’uomo, dei vegetali e degli animali, sinonimo di campagna, di agricoltura, di terreno coltivabile, tanto decantata nei testi da filosofi, scrittori, scienziati, astronomi.

Se si chiede ad un agricoltore cos’è la Terra ti risponde che è sinonimo di patrimonio a cielo aperto. Sono le radici profonde che legano il vignaiolo a cercare nella Terra la forza vitale. In primis c’è la Terra, il vignaiolo coraggioso la custodisce senza voler molto in cambio se non la sua salute e i frutti sani che riesce a regalarci. È il legame, il terreno sopra cui stare con le scarpe sporche di fango quando si tagliano i rami secchi, il terroir che distingue le tipologie, le diverse zone di coltivazione. Con sguardo visionario saremo propensi all’accoglienza, pronti a raccontare la nostra storia e le tradizioni del territorio attraverso l’enoturismo come abbiamo già fatto, siamo in attesa di ricominciare. Noi siamo Vignaioli senza compromessi che cerchiamo di produrre vini con carattere somiglianti ai nostri, senza l’utilizzo di additivi, nati dall’amore per il nostro lavoro e per la Terra. Il cambiamento climatico in atto con l’innalzamento delle temperature, la siccità, le piogge abbondanti concentrate in poche ore, l’irraggiamento solare violento ci spingono a tecniche biologiche attente per tutelare i vitigni e le nostre vigne. La ricerca di nuovi progetti, di ritmi, di comunicazione e la grande voglia di creatività invogliano a ripartire.

Nessuna moda o politica di marketing, solo la ferma convinzione che sia necessario restituire alla Terra quello che l’uomo le ha sottratto.


Antica Masseria Venditti punta sul servizio di consegna a domicilio

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Comunicato Stampa n. 1 - 2020 - Castelvenere (Benevento), Aprile 2020

Antica Masseria Venditti punta sul servizio di consegna a domicilio - “Sia la qualità a seguire chi i nostri vini sceglie da sempre”

Read more


Nuovo sito online!

Auguriamo una buona navigazione a tutti i visitatori che con pazienza hanno atteso questo momento. Un ringraziamento ad Andrea Venditti e Osvaldo Lombardi per la realizzazione del progetto!